Contenuto principale

S = CRM + Ei – una storia immaginaria

Siamo nel 2050. Urs Meier, key account manager dell'azienda Utz AG di Bremgarten, si sta recando al lavoro nella sua auto a guida autonoma alimentata a idrogeno e legge comodamente sul suo tablet le notizie dal mondo, mentre il traffico scorre senza intoppi. Da quando le ferrovie svizzere hanno messo in servizio la rete ferroviaria più efficiente al mondo e il capillare servizio Cargo Sous Terrain, le strade, svuotate, sono diventate più tranquille. Le auto a guida autonoma non provocano più incidenti e anche le code chilometriche appartengono oramai alla storia.

Urs Meier non riesce a capacitarsi del fatto che oggi sia il suo ultimo giorno di lavoro. Lavora alla Utz di Bremgarten dal 2007. Ancora non sa di preciso cosa gli riserverà il futuro, ma di una cosa è sicuro: da domani potrà dirsi «pensionato». Con la ventitreesima revisione delle pensioni gli elettori hanno detto si, fra l'altro, anche alla flessibilità dell'età pensionabile. Per questo motivo Urs Meier è rimasto fedele alla sua azienda, Utz AG, fino ad oggi, giorno del suo ottantesimo compleanno.

Mentre entra nel suo ufficio un vago senso di malinconia lo assale; indossa gli occhiali da realtà aumentata, o le sue ololenti, per leggere la posta, poi li toglie, li posa sulla scrivania e si siede comodamente. La sua mente adesso torna agli ultimi decenni trascorsi.

Il mondo è cambiato profondamente, e molte cose per il meglio. Nel 2020 sembrava che la terra con tutta l'umanità fosse sull'orlo del collasso. Politici, scienziati e il mondo economico tuttavia fecero fronte comune per garantire l'attuazione del piano a dieci punti che portò a un generale miglioramento del clima e della convivenza dei popoli. Nessuno all'inizio ci avrebbe creduto, ma dopo miliardi di investimenti e il rafforzamento delle organizzazioni internazionali il piano fu effettivamente messo in pratica e in larga parte rispettato.

Georg Utz AG non rimase indenne dalle conseguenze. La direzione aziendale e Urs Meier avevano già intuito, e questo ancor prima del 2020, che in un futuro molto prossimo le cose sarebbero cambiate anche per il settore degli imballaggi e della logistica, e operarono per preparare l'azienda e il team agli scenari futuri.

A causa dell'avanzamento dei cambiamenti climatici, oramai innegabili ed evidenti anche ai più scettici, il settore degli imballaggi e del riciclaggio furono pesantemente regolamentati. Di conseguenza le innovazioni e le invenzioni a tutela dell'ambiente in questo settore conobbero una crescita esponenziale.

La formula sviluppata e introdotta per Utz da Urs Meier assieme ai progettisti sviluppatori di prodotto era semplice ma estremamente efficace: S = CRM + Ei, vale a dire Sostenibilità = Circolo del Riutilizzo e del Materiale + Eliminazione degli imballi.

Il cosiddetto «Shelf Ready Packaging», o imballo pronto alla rivendita, che semplifica il percorso dalla produzione al cliente, è oggi un'ovvietà. Non ci sono più scatole usa e getta o imballaggi in cartone. Neanche a parlarne. I contenitori in plastica possono essere riutilizzati, fino a 25 anni di seguito, e alla fine della loro durata di vita vengono riciclati e reimmessi in circolo. Così, semplicemente e nel rispetto dell'ambiente. In questo modo non c'è quasi più bisogno di materiale plastico nuovo, poiché si punta a sfruttare quello già utilizzato. Alla Utz questa preziosa materia seconda è stata certificata con il nome di UIC (Utz Industrial Compounds), e questo dal lontano 2012. Già da allora la sostenibilità alla Utz era un concetto di grande rilevanza e messo in pratica fattivamente.

Verso il 2025 si aggiunse a tutto ciò la «catena connessa di creazione del valore». Quello che all'inizio sembrava pura fantascienza, una fantasia hollywoodiana, presto si trasformò in realtà. Per gestire in maniera più efficiente il flusso di materiale e gli imballi a rendere, puntammo sui pallet e sui contenitori intelligenti. La complessità dei processi nelle aziende di confezionamento è stata ridotta con l'ausilio della Near Field Communication (NFC) e del Bluetooth LowEnergy. Ogni singolo pezzo invia informazioni lungo tutta la catena di creazione del valore: prodotto, sede, destinazione, dimensione, peso e molto altro. Per questo motivo gli smartphone e le piattaforme digitali sono imprescindibili nell'odierna logistica. Quando questa tendenza cominciò a profilarsi, Utz scommise appieno sulla nuova tecnologia, cosa che si tradusse in un enorme vantaggio concorrenziale.

Urs Meier è fiero dei suoi colleghi e della direzione aziendale, sempre aperti alle trasformazioni e ai mutamenti; hanno sempre assecondato le tendenze con entusiasmo e contribuito a fare sì che la Georg Utz AG continui a essere un'azienda di successo anche nel 2050. Un sorriso soddisfatto si disegna sul suo viso, nulla più è di ostacolo alla sua pensione. È sicuro al 100 per cento che l'azienda disponga degli strumenti giusti per affrontare anche gli anni a venire e che continuerà a cavalcare l'onda del successo.

(Storytelling con businessmind.ch)